ANCONA
+39 071 2413092 + 39 3519378342
info@dbsoftsnc.it

SOCIAL MARKETING

SOCIAL MARKETING

corso social marketing

In più occasioni ho parlato di digital marketing e fra le varie attività incluse in questa definizione troviamo il social marketing, il seo e l’email marketing.

Cercando di usare un linguaggio comprensibile a tutti, oggi ho il piacere di spiegare, cosa significano realmente, e quali differenze ci sono fra queste 3 tipologie di marketing e quale è la loro importanza e la propedeuticità da seguire nell’uso delle stesse.

Il social marketing, più correttamente chiamato Social Media Marketing (SMM) è una forma di digital marketing che utilizza le reti social per promuovere e vendere un prodotto, un brand o un’azienda.

Il SEO è quell’attività di programmazione siti web che permette una buona indicizzazione nei motori di ricerca.

Il motore di ricerca è uno strumento che viene utilizzato per cercare informazioni nel web (google, yahoo, msn,…).

L’attività SEO permette di essere visibili in maniera organica (naturale) nei risultati che i motori di ricerca danno a seguito delle ricerche degli utenti, senza comprare pubblicità .

L’email marketing è l’utilizzo della posta elettronica per rivolgersi al proprio mercato di riferimento.

Naturalmente, sorgono spontane alcune domande:

  • quale strumento è meglio utilizzare?
  • perchè spendere soldi in pubblicità se posso fare queste attività gratuitamente?
  • posso utilizzare queste attività di marketing per trovare nuovi clienti, anzichè telefonare o suonare campanelli?

In tutta sincerità non penso che ci sia un’attività meglio dell’altra, ma penso che vadano attuate tutte ma con una certa propedeuticità e consapevolezza, che scopriranno i lettori che arrivano fino in fondo a questo articolo.

NULLA E’ GRATIS

La prima consapevolezza che bisogna acquisire è che nessuna attività di marketing è gratuita:

  1. telefonare richiede tempo e prevede dei costi telefonici;
  2. suonare campanelli richiede tempo e prevede costi di benzina, usura auto, parcheggi, ecc..;
  3. fare email marketing richiede l’uso di software specifici per l’invio automatico di email massive;
  4. fare SEO occorre avere un sito web e pagare qualcuno che sappia come farlo;
  5. fare social marketing richiede tanto tempo ed una connessione internet.

NULLA FUNZIONA DA SOLO

Spesso mi son sentito dire…. “a me non serve un sito web perchè utilizzo i social

Andando ad indagare, spesso mi sono accorto che:

  • l’utilizzo dei social era limitato a facebook
  • che veniva usato un profilo personale anzichè una pagina professionale
  • che l’attività era limitata a postare le proprie offerte commerciali senza una pianificazione o un piano editoriale e mescolate alle foto personali, in alcuni casi anche fuori luogo.

Senza offesa ma questo non significa fare social media marketing, ma farsi male con le proprie mani.

Se vuoi scoprire come si fa social media marketing in maniera efficace offriamo corsi gratuiti per chi si iscrive all’albo agenti di commercio e venditori di casagenti.it oppure se non ti vuoi iscrivere all’albo agenti, puoi acquistare il corso completo cliccando su questo link.

LIMITI DEL SOCIAL MARKETING

Prima di ogni altra cosa ragionate sui seguenti argomenti:

  1. i social vivono della pubblicità che vendono
  2. quando posti un messaggio o un articolo non sempre viene visualizzato in ordine di data, quindi non è visibile a tutti (a meno che non fai una sponsorizzata a pagamento)
  3. tutti i contenuti che posti, non sono di tua proprietà ma dei social
  4. i social non possono essere utilizzati per consentire ai tuoi visitatori di scaricare informazioni
  5. ciò che posti all’interno dei social è visibile solo dentro i social e non in tutto il world wide web

Proprio per il punto 1) quando i social vedono che stai cercando di avere più visibilità per motivi professionali (e questo succede se sei bravo a fare social marketing), cercano di boicottarti in tutte le maniere perchè vogliono venderti pubblicità.

Il punto 3) non ti da la proprietà dei contenuti, quindi il giorno che il social decide di oscurarti magari solo perchè hai condiviso troppe volte un post in più gruppi o perchè fai un commento che è ritenuto non idoneo, tu perdi tutto ciò che hai caricato.

Il punto 4) evidenzia il fatto che puoi solo postare ma se per esempio vorresti che il tuo cliente scaricasse il catalogo aggiornato, sei costretto a inviarne uno alla volta tramite la chat privata ed è davvero poco professionale e per niente pratico.

Il punto 5) dovrebbe farti riflettere su dove vuoi essere realmente visibile…. I social vengono spesso utilizzati per il tempo libero, quindi a meno che tu non sia un ristorante o uno che lavora solo con i privati, ti precludi la visibilità nei motori di ricerca (google, yahoo, msn,…). Infatti nel mondo B2B, quando un professionista o un imprenditore ha un esigenza, cerca la soluzione tramite un motore di ricerca e se per comunicare usi solamente i social non sarai mai visibile.

Questo significa che non puoi puntare tutta la tua comunicazione solo sui social perchè ha svariati limiti, oltre al fatto che comunque richiede molto tempo.

SEO E VISIBLITA’ NEI MOTORI DI RICERCA

Per i motivi sopra evidenziati, è importante avere un proprio sito web che permette di avere visibilità a 360°, di fornire contenuti scaricabili e raccogliere lead da utilizzare in un secondo momento per campagne di email marketing personalizzate.

Tutti vorrebbero essere primi nei motori di ricerca, ma chiunque non sia proprietario di google (tutti meno 1 – google stesso), non possono promettere risultati certi a meno che non indicizzino pagine con keywords inutili e non usate.

Essere primi nei risultati di ricerca in alcuni casi (sopratutto per i primi anni) è impossibile ed occorre investire in:

  • programmazione
  • contenuti
  • visite in entrata
  • link building

Il motore di ricerca più utilizzato è senza ombra di dubbio Google ma a mio avviso è anche quello più discriminatorio per chi inizia da zero e non ha denaro da investire in annunci sponsorizzati.

Quindi se non si vuole investire troppo, converrebbe investire sulla propria formazione ed imparare da soli a farsi un sito web, oppure far creare la struttura del sito e poi farsi spiegare come inserire i contenuti.

Con un sito web è possibile profilare lead per poi tenerli aggiornati con azioni di email marketing.

E-MAIL MARKETING SI MA CON LISTE CORRETTAMENTE PROFILATE

L’e-mail marketing è importante ma per farlo occorre utilizzare un software apposito ed è estremamente importante avere indirizzi correttamente consensati, altrimenti si corre il rischio di essere bannati dalla piattaforma e da tutti gli smtp.

Concludendo per fare un sano digital marketing sarebbe opportuno avere un proprio sito web da utilizzare per profilare lead, utilizzare i social per attirare visite al sito web e quindi migliorare il posizionamento nei motori di ricerca ed avere più lead, per poi fare azioni verticali di email marketing.

Per ricevere maggiori informazioni utilizza il seguente pulsante

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
YouTube
YouTube
LinkedIn
LinkedIn
Share
WhatsApp