ARRIGO MORETTI

La storia professionale di Arrigo Moretti, fondatore nel 1996 di DBSOFT.

Mi chiamo Arrigo Moretti sono nato il 24/01/1970 diplomato in Informatica quando ancora non esistevano gli hard disk.

Arrigo Moretti

Arrigo Moretti

Ho perso la Mamma a 4 anni ed il Papà a 39. La prima preoccupazione del mio Papà fu quella di rendermi il più velocemente possibile autosufficiente e grazie a questo tipo di educazione ho bruciato le tappe in molti ambiti della vita ed ho imparato a rialzarmi dalle cadute sempre più forte, a non lamentarmi, a ragionare in chiave positiva e quando necessario fuori dagli schemi acquisendo poco alla volta la resilienza necessaria ed indispensabile che mi contraddistingue.

Senza alcun aiuto ho acquistato il mio primo appartamento a 23 anni, ho iniziato l’attività di agente di commercio a 21 anni ed ho aperto la mia prima StartUp a 26 anni.

Per pagarmi gli studi universitari (mai terminati, quindi non chiamatemi Dottor Arrigo Moretti), iniziai facendo il cameriere, poi l’insegnante di matematica ed informatica e successivamente l’agente di commercio.

Iniziai a fare il venditore per puro caso, nel frattempo vinsi un concorso all’Enel (arrivai  6° nella graduatoria per la provincia di Ancona su  migliaia di partecipanti) ed in attesa di essere chiamato (la cosa non era certa perchè erano i tempi dei raccomandati)  spedii il mio CV ad una società di software per fare il programmatore e l’allora titolare mi disse che potevo iniziare facendo il venditore ed in caso si fosse liberato un posto come programmatore avrebbero valutato la mia candidatura per quella posizione.

Sono sempre stato un inguaribile ottimista quindi anche se allora preferivo lavorare come dipendente (il retaggio culturale era quello di un padre ex ferroviere) pur di  non rimanere con le mani in mano accettai.

Il mio primo incontro di lavoro fu un fiasco totale, presi l’appuntamento in una località dove non ero conosciuto perchè mi sentivo impreparato e prima di suonare il campanello aspettai una buona mezzoretta durante la quale immaginavo e costruivo nel mio cervello il confronto con il cliente.

Per circa 2 mesi mi scontrai con tanti NO, poi decisi di prendere il diploma di Agente di commercio (come perito informatico non potevo praticare la professione)  ed in seguito mi iscrissi ad un corso full immersion IPSOA su tecniche e psicologie di comunicazione e PNL. Imparai teorie  che mi sembravano impossibili da applicare e solo dopo alcune settimane,  preso dallo sconforto dei miei insuccessi, decisi di provare il tutto per tutto ed iniziare ad applicare ciò che avevo imparato al corso. Mi resi ben presto conto che in realtà le teorie studiate erano molto efficaci e da lì iniziò a cambiare la mia vita professionale e privata.

Ero molto preparato sia tecnicamente che commercialmente; vendevo software per il settore edile (computo metrico, cad ed ingegneria strutturale), conoscevo bene i miei prodotti ed anche quelli della concorrenza; imparai ad utilizzarli e a fare le dimostrazioni da solo superando le difficoltà organizzative e di comunicazione che riscontravo nel far fare le demo ai programmatori.

Nell’arco di alcuni anni i programmi che vendevo  erano i più utilizzati dagli studi tecnici, dagli uffici tecnici comunali e dalle imprese edili di tutta la regione Marche, quindi mi affidarono il compito di occuparmi della rete vendita in tutta Italia.

Del concorso all’ENEL non seppi più nulla, ma nemmeno ero più interessato perchè ero molto soddisfatto della piega che aveva preso la mia vita, quindi preferii continuare a fare l’agente di commercio e per molto tempo continuai anche ad insegnare  informatica presso la CNA di Ancona (nel 1995  come insegnante  guadagnavo 90.000£ all’ora), fino a quando nel 1996 fondai DBSOFT per la commercializzazione del software Target Win Agenti.

L’idea di progettare Target Win Agenti (il primo software in Italia per agenti di commercio in ambiente Windows ) mi venne perchè trovavo difficoltà nel gestire con Microsoft Office la rete vendita e le trattative dei vari agenti di commercio che gestivo. Feci una ricerca e mi resi conto che l’unico software presente era solo per la raccolta ordini ed era in ambiente MS-DOS e si chiamava Soluzione Agenti (ancora oggi presente, con una buona diffusione ma ancora in ambiente MS DOS).

Scrivevo i manuali di notte, duplicavo i floppy disk di installazione al sabato e alla domenica (allora INTERNET non era come lo conosciamo oggi e l’installatore richiedeva 12 dischetti circa); di giorno giravo l’Italia con l’attività di porta a porta B2B con i negozianti di computer; quella volta il software veniva pacchettizzato e si vendeva tramite i negozi. Nell’arco di alcuni anni trovai oltre 200 rivenditori in tutta Italia che mi permisero di fare i primi investimenti.

Nel 2000 il mio socio attuale Stefano Ianovitz, che fino a quella data lavorava dietro le quinte,  decise (come da accordi presi 4 anni prima) di entrare in società al 50%, dedicando la totalità del suo tempo a questo progetto comune chiamato DBSOFT.

DBSOFT è l’acronimo di “data base  software”  ed allora mi sembrava molto semplice pronunciarlo e siccome il nostro progetto era un software per la gestione di un  data base ed il nome  non era registrato in nessuna camera di commercio, decidemmo di chiamare così la nostra società di produzione software.

In questi 22 anni, ho visto svariati cambiamenti epocali di tecnologia e di regole; ho dovuto reinventare più volte le strategie marketing per vendere il nostro servizio, mentre Stefano che sovraintende alla parte tecnica ha garantito la continuità ed il funzionamento del software sulle svariate piattaforme che si sono susseguite nel tempo.

Abbiamo iniziato dai rivenditori di computer, poi siamo passati alle convenzioni con le associazioni di categoria, in seguito utilizzammo internet ed oggi, convinti che è più importante il contatto umano, stiamo organizzando workshop itineranti per tutta Italia dove incontriamo i nostri clienti storici e nuovi possibili utilizzatori dei nostri servizi.

Negli ultimi anni ho avuto modo di avviare alcune startup in Italia all’estero nei seguenti settori:

  • Import/Export Vini;
  • Call Center;
  • Elaborazione dati in outsourcing;
  • Servizi di internazionalizzazione settore abbigliamento;
  • Manifattura T-SHIRT
  • Tour Operator;

Sopratutto questa ultima fase della mia vita professionale mi ha dato modo di imparare molto in svariati settori merceologici, ho conosciuto migliaia di persone che mi hanno portato un arricchimento di crescita personale sia in fatto di valori che di scelte ed obiettivi, contribuendo a rivoluzionare completamente le mie priorità di vita ed il mio atteggiamento nei confronti delle persone intorno a me.

Ho pubblicato la mia esperienza di vita professionale il giorno 24/01/2019 cioè il giorno del mio 49° compleanno, per fare e farmi un regalo di consapevolezza di ciò che è possibile fare con la giusta dose di resilienza che oggi è un valore meno conosciuto dai più giovani.

Dalla vita ho avuto molto più di quanto potessi immaginare, ad oggi mi sento ancora un ragazzino, con tanto entusiasmo per la vita e molte energie da spendere, quindi mi sento di dire a chi mi legge: ” Vivi ogni giorno come se fosse il giorno più importante della tua vita, non preocuparti del futuro, valorizza il tempo che ti è stato dato in prestito e sii allineato con i tuoi valori e vedrai che potrai vivere in abbondanza anche in tempi di crisi, perchè la crisi è solo nella testa di chi la vede!

Arrigo Moretti 24/01/2019